IV domenica di Quaresima; commento al Vangelo: Gesù e Nicodemo

In quel tempo, Gesù disse a Nicodemo: «Come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna. Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.(…)».

Si è appena conclusa la scena irruente, fragorosa di Gesù che scaccia i mercanti dal tempio. A Gerusalemme, capi e gente comune tutti parlano della novità di quel giovane rabbi. Ora, da quella scena clamorosa e sovversiva si passa a un vangelo intimo e raccolto. Nicodemo ha grande stima di Gesù e vuole capire di più, ma non osa compromettersi e si reca da lui di notte. Prima sorpresa: quel Gesù che dirà «il vostro parlare sia sì sì, no no», rispetta la paura di Nicodemo, non si perde nei limiti della sua poca coerenza, ma mostrando comprensione per la sua debolezza, lo trasforma nel coraggioso che si opporrà al suo gruppo (Gv 7,50) e verrà al tramonto del grande venerdì (Gv 19,39) a prendersi cura del corpo del Crocifisso. Quando tutti i coraggiosi fuggono, il pauroso va sotto la croce, portando trenta chili di aloe e mirra, una quantità in eccesso, una eccedenza di affetto e gratitudine.

Gesù trasforma. È una via tutta nuova, per noi che i maestri dello spirito hanno sempre stretto nell’alternativa: coraggio o viltà, coerenza o incoerenza, resistenza o debolezza, perfezione o errore. Gesù mostra una terza via: il rispetto che abbraccia l’imperfezione, la fiducia che accoglie la fragilità e la trasforma. La terza via di Gesù è credere nel cammino dell’uomo più che nel traguardo, puntare sulla verità umile del primo passo più che sul raggiungimento della meta lontana. Maestro dei germogli.

In quel dialogo notturno Gesù comunica, in poche parole, l’essenziale della fede: Dio ha tanto amato il mondo… è una cosa sicura, una cosa già accaduta, una certezza centrale: Dio è l’amante che ti salva. Parole decisive, da riassaporare ogni giorno e alle quali aggrapparci sempre. Dovete nascere dall’alto: io vivo delle mie sorgenti, ed ho sorgenti di cielo da ritrovare. Allora potrò finalmente nascere a una vita più alta e più grande, e guardare l’esistenza da una prospettiva nuova, da un pertugio aperto nel cielo, per vedere cosa è effimero e cosa invece è eterno. Quello che nasce dallo Spirito è Spirito. E la notte si illumina.

Chi è nato dallo Spirito non solo ha lo Spirito ma è Spirito. Non solo è tempio dello Spirito, ma è della stessa sostanza dello Spirito. Ogni essere genera figli secondo la propria specie, le piante, gli animali, l’uomo e la donna. Ebbene, anche Dio genera figli secondo la specie di Dio. E non c’è maiuscolo o minuscolo nei testi originari: maiuscolo per lo Spirito di Dio, la sua forza generante, minuscolo per lo spirito dell’uomo generato. Non si riesce a distinguere se “spirito” si riferisca all’uomo o a Dio. Questa confusione è straordinaria. Una bellissima rivelazione: tu, rinato dallo Spirito, sei Spirito.

Letture: 2 Cronache 36,14-16.19-23; Salmo 136; Efesini 2,4-10; Giovanni 3, 14-21

Ermes Ronchi
Avvenire

In questa IV domenica di Quaresima il colore della liturgia attenua il viola del periodo penitenziale, lo sfuma, introducendo una pausa gioiosa con l’annuncio, nel Vangelo, della salvezza per l’umanità. E se nel Vangelo della scorsa domenica Gesù aveva accennato alla distruzione del tempio, alludendo alla morte del suo corpo, in questo nuovo vangelo Egli parla di innalzamento, ossia di glorificazione (Gv 13,31)! I versetti da 14 a 21 si inseriscono in un capitolo titolato “Colloquio con Nicodemo”. È infatti con Nicodemo che Gesù illustra la verità della salvezza e della vita eterna, difficile da comprendere da parte di chi ancora non crede. E non crede in particolare proprio in Lui quale Messia, Salvatore del mondo e “porta” per entrare nel Regno di Dio. Infatti, pur essendo ben disposto verso Gesù, Nicodemo non riesce che a riconoscerlo quale maestro venuto da Dio in virtù dei segni che fa.

Nicodemo è un capo giudaico, un maestro in Israele cha va a trovare Gesù di notte, ovvero di nascosto, probabilmente per timore delle critiche negative di molti suoi colleghi, capi giudaici e farisei, nella cui cerchia va maturando l’ostilità contro Gesù. Gesù userà termini molto duri (v. 20) di fronte alla cura di nascondere le proprie azioni: “Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere”. Ma, soprattutto, Nicodemo con la sua logica terrena non riesce ad entrare in dialogo con Gesù che gli presenta la necessità di rinascere dall’alto per vedere/entrare nel Regno di Dio! Si tratta di compiere un percorso spirituale ed esistenziale ancora ignoto all’erudito Nicodemo, di cui avremo però, in seguito, l’immagine positiva di chi sta comunque iniziando quel percorso (Gv 7,50 e 19,29). Gesù, che vede nel cuore degli uomini, non rinuncia a rivelare proprio a Nicodemo, antesignano di tutti coloro che intraprendono un itinerario di fede, il dono di salvezza ch’Egli sta per offrire con la sua Morte e Resurrezione.

Partendo quindi da un testo dell’A.T., quale Numeri 21, Gesù, per parlare della salvezza legata alla sua morte in croce, fa riferimento al serpente di bronzo che Mosè, su comando di Dio, espose su un’asta alla vista degli Israeliti morsi da serpenti velenosi, affinché ne traessero salvezza. L’episodio si inserisce nella drammatica vicenda dell’attraversamento del deserto da parte di Israele in cammino verso la Terra Promessa. Cammino che è veramente un itinerario umano di speranza, ma costellato da cedimenti, impazienze, rancori e ribellioni a Dio, soprattutto quando sopraggiungono le tentazioni dei beni terreni, idoli sempre, ancor oggi, in agguato, di cui perennemente sfuggono la precarietà ed il vuoto di senso. Come il serpente salvifico di Mosè così “bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in Lui abbia la vita eterna”. Gesù annuncia con queste parole la salvezza donata agli uomini per mezzo della sua morte sulla croce elevata al cielo. Solo una cosa viene chiesta agli uomini, com’era chiesta agli Israeliti nel deserto: non distogliere lo sguardo dal Salvatore che realizza nell’Obbedienza la Volontà salvifica del Padre.

“Quando un serpente aveva morso qualcuno, se questi guardava il serpente di rame, restava in vita” (Nm 21,9); “Infatti chi si volgeva a guardarlo era salvato non da quel che vedeva, ma solo da te, salvatore di tutti” (Sapienza 16,7); e ancora: “Non li guarì né un’erba, né un emolliente, ma la tua parola, o Signore, la quale tutto risana” (Sapienza 16, 12). Dio non ha eliminato i serpenti velenosi, incontrovertibile realtà del male che insidia la vita umana, ma invita gli Israeliti a guardare fuori da sé, in alto, fidandosi della sua promessa. A Nicodemo, ai discepoli, a tutti gli uomini Gesù, Parola incarnata, rivolge la stessa implicita esortazione a non distogliere lo sguardo da Lui, a rimanere in Lui, ad avere fede nella sua Pasqua, nel suo passaggio dalla morte alla glorificazione nella vita eterna. “Cristo è resuscitato dai morti, primizia di coloro che sono morti. Poiché se a causa di un uomo venne la morte, a causa di un uomo verrà anche la resurrezione dai morti; e come tutti muoiono in Adamo, così tutti riceveranno la vita in Cristo!” (1 Cor, 15-20).

Se confrontiamo l’annuncio della passione e morte che Gesù fa ai discepoli nei Vangeli sinottici con questo annuncio del Vangelo di Giovanni, ci colpiscono due cose: la coincidenza del termine “dei” e “bisogna, è necessario”, riferito alla morte in croce di Gesù e la originalità /unicità del termine “sia innalzato”. Il fatto che tutti i Vangeli (Mt 16,21; Mc 8,31; Lc 9,22) sottolineano la necessità della morte di Gesù sta a significare che Dio non interviene a cancellare la realtà terrena della morte, ma per Amore degli uomini ha mandato il Figlio ad attraversarla e sottrarla alla sua apparente definitezza per mutarla in passaggio alla vita eterna. Se l’uomo per la sua natura creaturale è soggetto al male e alla morte e da solo non se ne può liberare, la morte in croce di Gesù è necessaria perché rientra nel piano di salvezza di Dio, com’era già stato detto nelle Scritture dai Profeti (Isaia, 53 tutto). “Ecco il mio servo avrà successo, sarà onorato, esaltato e molto innalzato” (Is 52,13).

Così la morte di Gesù si rivela quale atto di Obbedienza del Figlio (“Servo sofferente e fedele” in Isaia) nel realizzare l’Amore del Padre per tutte le creature e la Sua Volontà di renderle partecipi della Gloria trinitaria. Bene allora il Vangelo di Giovanni laddove sostituisce la morte in croce, segno di obbrobrio per la mentalità mondana, con il termine innalzamento, allusivo al trono regale che attende il Cristo Risorto alla destra del Padre: “Perciò io gli darò in premio le moltitudini, dei potenti egli farà bottino, perché ha consegnato se stesso alla morte…” (Is 53,12).

Mistero centrale e cardine della fede cristiana è la morte e resurrezione di Cristo e la fede in Lui è condizione indispensabile per entrare nel suo Regno ed avere la vita eterna. Il Padre che ci ama non chiede né sacrifici, né penitenza, né intransigenza morale, né tanto meno sforzi per superare i propri umani limiti, tant’è che “non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui”. La condizione indispensabile è la fede in Cristo, nella sua Parola. Perché se non si crede, ci si autoesclude dalla salvezza. Il Vangelo di Giovanni non configura la condanna del non credente come fuoco eterno, ma come rinuncia alla luce ed alla gioia eterna. Tenere lo sguardo fisso su Gesù innalzato e credere nella sua Resurrezione, che promette e anticipa la nostra resurrezione, equivale a trovare il senso della vita nell’attesa della vita eterna.

La conclusione del brano odierno riprende il motivo, tracciato nel Prologo, del conflitto Luce-Tenebre e sottende un monito che ci mette in guardia dal ritenerci già salvi in quanto credenti, diversamente da chi, ancora, o, solo apparentemente, non crede. La logica mondana da cui siamo purtroppo tutti pervasi, quali esseri limitati e soggetti al fascino delle tentazioni, ci spinge a preferire le tenebre alla luce. Solo se continuamente rinasciamo nello Spirito possiamo trovare la forza per lasciarci guidare da Lui e, facendo memoria delle Parole e dell’agire di Gesù, operare, come Lui, secondo la Volontà del Padre e giungere alla Luce.

Vanna
Comunità Kairòs