Gli auguri di don Alessandro

Carissimi parrocchiani e amici,

il Natale di quest’anno, in questo tempo drammatico ci riconsegna la grande verità della vicinanza di Dio per ogni uomo che lo riconosce e accoglie nel suo figlio Gesù.

Nell’assicurare a tutti e a ciascuno il mio augurio, la mia vicinanza, la gratitudine e il mio affetto, vi faccio dono di questa riflessione per una rilettura illuminata dalla fede, di questo tempo incerto.

La luce del Natale illumini e riscaldi ogni angolo freddo e oscuro del nostro cuore.

Buon Natale!

don Alessandro

Certo che ce ne sarà uno!
Più silenzioso e più profondo,
più simile al primo Natale, quando è nato Gesù,
senza tante luci sulla terra
ma con la stella di Betlemme,
con le strade intermittenti
della vita nella sua immensità.
Niente impressionanti parate regali,
ma l’umiltà dei pastori alla ricerca della Verità.
Senza grandi banchetti,
ma con la presenza di un Dio onnipotente.

Non ci sarà il Natale?
Certo che ce ne sarà uno!
Senza le strade piene di gente,
ma con il cuore ardente per Colui che viene.
Niente chiasso né fanfara,
proteste e resse…
Ma vivendo il Mistero
senza paura del Covid-Erode,
che pretende di toglierci il sogno dell’attesa.
Natale ci sarà perché Dio-è-con-noi.
E noi condivideremo,
come fece Cristo nella mangiatoia,
la nostra povertà, la nostra prova,
le nostre lacrime, la nostra angoscia
e la nostra condizione di orfani.
Ci sarà Natale perché abbiamo bisogno di questa luce divina in mezzo a tante tenebre.
Il Covid-19 non può raggiungere il cuore e l’anima
di quelli che pongono la loro speranza e il loro ideale in cielo.
Certo che ci sarà Natale!
Canteremo i canti di Natale.
Dio nascerà e ci renderà liberi.