Parrocchie Marrubiu

Vergine di Montserrat e Sant'Anna

Categoria: News

giovedì 23 agosto 2018
L’utilizzo in Parrocchia di macchine fotografiche e videofilmati durante le celebrazioni
themes/parrocchiemarrubiu.it/uploads/mkNews/attachments/424_fotografie.jpg

In occasione di celebrazioni sacramentali, in particolare battesimi, matrimoni, prime comunioni e cresime, al fine di assicurare in queste circostanze un servizio professionale adeguato, corretto e rispettoso dei diversi momenti celebrativi, si rende necessario disciplinare l’uso delle riprese fotografiche e dei filmati.

In attesa di un Regolamento diocesano che stabilisca i criteri fondamentali per poter svolgere un servizio professionale durante le celebrazioni liturgiche, in particolare per i battesimi e i matrimoni, si rende necessario, nella nostra Parrocchia, stabilire alcune norme atte a salvaguardare la dignità dei diversi momenti celebrativi e le esigenze legittime per poter effettuare riprese fotografiche e filmati

La celebrazione dei sacramenti nell'eucarestia

PREMESSA

  1. La celebrazione del Sacramento non è una "cerimonia" esteriore o uno spettacolo, ma è "azione sacra" per eccellenza, in quanto azione di Cristo e della Chiesa, sua sposa (cfr. Costituzione Liturgica SacrosanctumConcilium, n.7).
    Anche il fotografo ed il video-operatore fanno parte di quella comunità di fedeli riuniti per la celebrazione e, soprattutto se sono credenti, sono chiamati a prendere parte attiva all'azione liturgica con un comportamento corrispondente ai diversi momenti dell'azione compiuta dall'Assemblea.
    Diamo una breve descrizione dei singoli momenti celebrativi:

  2. I riti di introduzione.Il loro senso è che i fedeli, riuniti insieme, formino una comunità (cfr. Principi e norme per l'uso del Messale, n. 24).
    Sacerdote, sposi, ministri, coloro che svolgono un "servizio", fedeli, si adoperino perché nella celebrazione si crei il clima giusto: raccoglimento, attenzione, partecipazione, ecc.
    Soprattutto l'atto penitenziale è un momento che esige il silenzio per riconoscere e confessare i propri peccati, così da accogliere il perdono dei Padre.

  3. La liturgia della Parola.Momento importante perché "nelle letture, che poi vengono spiegate nell'omelia, Dio parla al suo popolo, gli manifesta il mistero della redenzione e della salvezza e offre un nutrimento spirituale (cfr. Principi e norme per l'uso del Messale Romano, n. 33).
    La Parola di Dio rivela il senso dei Sacramenti. Per questo i fedeli l'ascoltino senza distrazioni per dare ad essa la propria risposta di fede e di preghiera.

  4. Rito del Sacramento. Solo il fotografo autorizzato potrà effettuare le riprese dei diversi momenti sottoindicati. A tutta l’assemblea è chiesto di astenersi dall’uso di qualsiasi dispositivo per la ripresa delle immagini. Solo dopo la celebrazione si potranno scattare fotografie e filmati.

    •  Rito del Battesimo comprende 4 momenti (in connessione con la Messa subisce qualche modifica):
      • l'accoglienza (alle porte della Chiesa);
      • l'unzione pre-battesimale e la professione di fede;
      • il Battesimo (al fonte battesimale), unzione crismale, consegna della veste bianca e del cero acceso;
      • la processione all'altare della celebrazione eucaristica (compimento dell'Iniziazione cristiana).
    • Rito della Cresima comprende tre momenti:
      • rinnovazione delle promesse battesimali;
      • imposizione delle mani con invocazione dello Spirito santo;
      • crismazione.
    • Rito del Matrimonio comprende 3 momenti:
      • le tre domande che il sacerdote rivolge agli sposi per accertare davanti all'assemblea la sincerità delle loro intenzioni e la consapevolezza degli impegni che stanno per assumere; lo scambio reciproco del consenso da parte degli sposi; la benedizione e lo scambio degli anelli.
         
  5. La presentazione dei doni. Mentre tutti siedono viene preparato l'altare e mediante la processione vengono presentati i doni (pane e vino per l'Eucaristia). 

  6. La preghiera eucaristica.Costituisce la parte più importante della celebrazione. Inizia con le parole del sacerdote: "Il Signore sia con voi... In alto i nostri cuori", ecc., e si conclude con l'acclamazione: "Per Cristo, con Cristo e in Cristo, a te Dio Padre Onnipotente... per tutti i secoli dei secoli"; l'assemblea acclama: "Amen".
    È la "preghiera di grazie e di santificazione" (cfr. Principi e norme per l'uso del messale Romano, n. 54; Ambrosiano, n. 55 ) che il sacerdote dice a nome di tutta la comunità per ringraziare Dio e nella quale il pane e il vino diventano il corpo e il sangue di Cristo, e quindi si rinnova e si offre il sacrificio di Gesù.

  7. l riti di comunione.Iniziano con la recita comunitaria del "Padre Nostro" (orazione che caratterizza i cristiani); segue la preghiera per la pace, lo scambio del gesto destinato ad esprimerla e il canto allo spezzare del Pane; hanno luogo quindi la comunione eucaristica e la "Orazione dopo la Comunione".

  8. I riti conclusivi.Sono costituiti dalla benedizionedal congedo e dall'uscita dalla Chiesa.

    DISPOSIZIONI PRATICHE
    PER I FOTOGRAFI ED I VIDEO-OPERATORI
    È dovere degli operatori prendere contatto per tempo con il parroco gli opportuni accordi e con loro prenderanno visione del luogo e della disposizione delle persone nell'azione rituale. 

  9. Curino il rispetto verso i ministri e l'assemblea con la discrezione dei gesti, con un contegno serio e con un atteggiamento corrispondente alla sacralità dell'azione che si stavolgendo. 

  10. Gli operatori non dovranno distogliere l'attenzione dei presenti dallo svolgimento dell'azione liturgica o distrarli dalla partecipazione ad essa. In particolare, limiteranno gli spostamenti allo stretto necessario e faranno un uso discreto del flash. 

  11. Le riprese con macchine fotografiche e telecamere, oltre ad alcune panoramiche, sono permesse:

    • Nella celebrazione del Battesimo:
      • al segno di croce sulla fronte (accoglienza all’ingresso in chiesa)
      • all'unzione sul petto
      • all'infusione dell'acqua (immersione)
      • all'unzione sul capo col Crisma
      • alla consegna della veste bianca e della candela accesa.
    • Nella celebrazione della Cresima e della Messa di prima Comunione: si prendano accordi con il Parroco per i momenti di particolare rilievo, inclusa anche la possibilità di un gruppo fotografico al termine della celebrazione. Durante l'atto penitenziale, la liturgia della Parola, la preghiera eucaristica, si eviti ogni intervento degli operatori.
    • Nella celebrazione del Matrimonio:
      • all'ingresso in Chiesa
      • al rito del Matrimonio
      • alla processione offertoriale
      • al rito della pace
      • alla comunione (facendo attenzione ai tempi ... )
      • ai riti conclusivi.
    • Durante l'atto penitenziale, la liturgia della Parola, la preghiera eucaristica, si eviti ogni intervento degli operatori e ogni movimento che possa disturbare l’assemblea.
  12.  Fotografare gruppi di parenti ed amici all'interno della chiesa è consentito dopo le celebrazioni purché venga conservato il decoroso rispetto dei luoghi sacri, (in particolare si escluda il Presbiterio e la cappella dove è custodito il SS. Sacramento). Non è consenta la ripresa di coloro che svolgono un servizio ministeriale durante la celebrazione. 

  13. Gli operatori cureranno di non lasciare in vista valigie o sacche; per il deposito dell'attrezzatura e le procedure tecniche dovrà essere utilizzato un luogo che non sia di impedimento all'azione rituale. 

  14. Non è mai consentito salire sul presbiterio per le riprese fotografiche. Eccezioni particolari vanno concordate col Parroco. 

  15. Al fine di arricchire un archivio fotografico digitale in Parrocchia, si auspica una raccolta di immagini anche in occasione delle feste più importanti della Comunità, comprese le processioni. Anche in questo caso è bene concordare con il Parroco i momenti adatti per le diverse riprese.

  16. Qualora le riprese fotografiche o i filmati, specialmente per le celebrazioni sacramentali siano affidate a dei professionisti per motivi commerciali, è necessario che si garantisca il rilascio del documento fiscale 

  17.  A documentare la celebrazione del matrimoniosarà ammesso un solo fotografo e/o un video-operatore incaricato dagli sposi, nonché eventuali collaboratori. Nessuno potrà imporre agli sposi un proprio fotografo o video-operatore. Altre persone si asterranno dall'eseguire riprese sia video sia fotografiche.
    Nelle celebrazioni comunitarie degli altri sacramenti il servizio sarà prestato per tutti da un solo fotografo e/o un solo cameraman.

 
don Alessandro

Approfondimenti

 
 
 
 

Link utili